domenica 4 novembre 2012

mercoledì 24 ottobre 2012

Piccoli artisti crescono: Max Ernst e il frottage

Quando eravamo bambine noi (i mitici anni ’90) c’era un gioco da tavola il cui protagonista era Topolino che vestiva i panni di un investigatore: si chiamava Topomistery e se ce lo avessi ancora giuro che ci giocherei! 

L'immagine proviene da http://xoomer.virgilio.it/fradibel/topomistery.htm
Era divertente ma i casi da risolvere non erano poi molti e io ci giocavo spesso quindi, quando fu evidente che partivo decisamente - diciamo - avvantaggiata rispetto agli altri partecipanti, il gioco fu abbandonato con mio sommo dispiacere. 
Tuttavia, tra i metodi di ricerca del colpevole a disposizione dell’investigatore, ce n’era uno che mi aveva particolarmente affascinata, che mi torna in mente spesso, e che solo molti anni dopo ho scoperto non essere un’invenzione di Topolino: il frottage!
Nella scatola del gioco, infatti, c’erano delle monete rosse sulle quali erano impresse, in rilievo, le impronte digitali dei presunti colpevoli: la loro rilevazione, per poterle osservare da vicino e confrontarle con quelle lasciate sul luogo del crimine, prevedeva che si poggiasse un foglio di carta sopra la moneta e con una matita si ripassasse più e più volte fino a vederla comparire nitidamente. 
Insomma: pare che prima di Topolino c’avesse già provato un tipo, un tale Max Ernst :)
La tecnica del frottage consiste proprio nello sfregare con una mina o un altro mezzo, un foglio sovrapposto ad una superficie ruvida (come un tronco o della tela); i risultati sono questi:


Io c’ho voluto riprovare e trovo che sia una tecnica carina da far sperimentare ai bambini, soprattutto se si propone questa attività durante una gita o un pic-nic: sarà divertente imprimere sulla carta la forma di foglie, tronchi di vari alberi o altro. Non trovate?

A presto,
Laura

sabato 6 ottobre 2012

Bartek Elsner

Le fotografie che vedete qui sotto sono ciò che la rete restituisce alla ricerca sul designer tedesco Elsner e la sua collezione "Paper stuff", sorprendenti opere di cartone...




Questo è il link al sito dedicato alla collezione: http://www.bartek-elsner.de/paperblog/ in cui è possibile vedere fotografie di dettaglio e ottenere informazioni aggiuntive laddove le opere siano state realizzate su commissione.